Berloni

IT
EN ZH
indietro

Cucina Green

Aglio e finocchio per mangiare bene vivendo meglio


A meno che non siate vampiri, o che non vi stiate recando a un incontro galante, non abbiate timore e preparatevi una buona pietanza condita con uno o più spicchi di aglio.
Le proprietà curative della pianta, infatti, sembra fossero ben note fin dai tempi degli antichi egizi, quando l'aglio rientrava nella dieta degli schiavi per mantenerli in salute.
Ricco di minerali e vitamine, l'aglio rafforza il sistema immunitario, riduce pressione e colesterolo, rinforza le ossa ed è un potente antibatterico.
L'unico appunto è che, per ottenere alcuni dei risultati appena descritti, pare sia necessario assumere non meno di quattro spicchi di aglio al giorno: un toccasana per il nostro organismo, un problema per la nostra vita sociale. Il caratteristico “alito pesante” è infatti dovuto alla digestione dello zolfo presente nella pianta.
Ad ogni modo, tralasciando l'alitosi, l'aglio si presta ad essere utilizzato in svariate ricette, dalle più elaborate alle più elementari. Basti pensare che una delle ricette tipiche piemontesi è la “soma d'aj” (traducibile come “carico di aglio”), tanto semplice quanto squisita: si prende una fetta di pane, la si sfrega con una testa d'aglio e le si versano
sopra un po' d'olio e un pizzo di sale.
Una bontà pronta in meno di un minuto, e una merenda d'altri tempi che varrebbe la pena riscoprire e riproporre. Per i più grandicelli, accompagnandola con un buon bicchiere di Barbera.
E mentre in molti ci provano... qualcuno ci riesce, altri falliscono e ritentano. La parola d'ordine rimane però sempre una: dimagrire. È importante però dimagrire in modo sano, ricordandosi che dimagrire significa soprattutto alimentarsi in modo corretto per vivere in
forma: è quindi importante affidarsi ad esperti e consumare le giuste porzioni dei giusti alimenti.
Già, ma quali sono i cibi corretti?
Soprattutto, qual è l'alimento con il minor numero di calorie?
Il finocchio.
Con le sue 9 calorie per etto, il finocchio è il cibo che dà il minore apporto energetico.
Inoltre, contiene solo l'1% di zuccheri e, grazie all'elevato contenuto di acqua e di potassio, è anche un ottimo diuretico e depurativo. Queste sono solo alcune delle caratteristiche di questo ortaggio buono sia crudo che cotto, mentre i suoi semi possono essere usati come ingrediente per tisane.
E se non volete dimagrire ma solo gustarvi un’ottima verdura in una sua piacevole variante, provate i finocchi gratinati al forno con besciamella: forse non perderete un etto, ma sicuramente guadagnerete una nuova ricetta da segnare in agenda.

top