Berloni

IT
EN ZH
indietro

Piccole curiosità sul caffè

Curiosità e aneddoti sul mondo del caffè e i suoi metodi di preparazione

Il caffè è indubbiamente tra i re della nostra cucina: il suo profumo accompagna il nostro risveglio così come i momenti di pausa, convivialità e relax.
E forse pensiamo di sapere tutto, o quasi, dell'amato chicco marrone e dei suoi metodi di preparazione.

Allora lo sapevate che...

1) La classica caffetteria Moka è stata creata da Alfonso Bialetti nel 1933: per realizzarla, Bialetti si ispirò alla lavatrice “lisciveuse” (da lascivia, un tipo di sapone), formata da una caldaia in cui si depositavano i vestiti, l'acqua e il detersivo; sopra questa caldaia c'era un tubo forato in cima. Arrivata ad ebollizione, l'acqua saliva lungo il tubo, poi si raffreddava e riscendeva, sciogliendo e spargendo la liscivia sugli abiti. Così come accade tutt'oggi per il caffè macinato all'interno della rinomata Moka.

2) Il nome Moka deriva della città di Mokha nello Yemen, patria della famosa e rinomata qualità arabica.

3) Cos'è il Kopi Luwak? È un caffè prodotto con le bacche mangiate, in parte digerite e infine defecate dallo zibetto comune delle palme. Per quanto possa sembrare bizzarro, si tratta di uno dei caffè più costosi, ricercati e apprezzati al mondo.

4) Nel 1734, Johann Sebastian Bach compose la “Cantata del caffè”. L'opera racconta di una ragazza, incallita bevitrice di caffè, alla quale non è concesso di sposarsi: il padre, infatti, esige che prima lei rinunci alla sua bevanda preferita. La ragazza infine si sposa, ma pone come clausola del contratto matrimoniale di poter bere caffè senza alcun limite.

Insomma, il caffè ha attraversato ogni epoca senza mai perdere un grammo del proprio fascino: non resta dunque che prepararlo, come più lo si predilige, nella propria amata cucina.
Dopotutto, due chiacchiere, un caffè e un ambiente familiare – proprio come la nostra cucina – rendono tutto migliore. 

top